Politica

06/03/2024

Il caso “dossier” sconvolge la politica – Meloni “Gravissimo ciò che emerge dall’inchiesta di Perugia”

CONDIVIDI

Il caso “dossier” sconvolge la politica – Meloni “Gravissimo ciò che emerge dall’inchiesta di Perugia”

La leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, ha commentato duramente l’inchiesta di Perugia che ha svelato accessi abusivi a banche dati pubbliche per raccogliere informazioni su personaggi politici e cittadini.

La presidente del Consiglio ha denunciato i “metodi da regime” utilizzati e ha chiesto chiarezza sui “mandanti” di tali operazioni.

Anche  Matteo Salvini ha definito la situazione una “vergogna” annunciando denunce presso le procure italiane.

La preoccupazione per la questione è condivisa da Antonio Tajani e altri esponenti politici, che chiedono di individuare eventuali responsabilità e sottolineano la gravità della situazione.

Nel frattempo, la ricerca di trasparenza continua con l’audizione di figure chiave come Cantone e Melillo presso la commissione Antimafia, su richiesta della stessa Meloni.

Italia Viva, invece, vuole coinvolgere Federico Cafiero de Raho, già procuratore nazionale antimafia e attualmente deputato M5s. L’attenzione sulle vicende emerse dall’inchiesta è alta anche in parlamento, dove si discute su possibili interventi legislativi. La premier, senza citare direttamente il presidente Mattarella, sottolinea la gravità della situazione, criticando l’uso improprio delle banche dati pubbliche da parte di funzionari statali e il loro passaggio di informazioni alla stampa.

“Proprio il fatto che il procuratore di Perugia e il procuratore nazionale Antimafia abbiano chiesto di essere ascoltati – informa l’Ansa  – ha fatto scattare l’allerta tra i parlamentari, soprattutto di maggioranza. Sul fatto che ci possa essere molto altro, e molto più “pericoloso”, di quanto emerso finora. Già così l’inchiesta sta sollevando più di un interrogativo. “C’è un regista?”, si chiede Tajani. “Qualcuno pagava, qualcuno sapeva, qualcuno ne approfittava”, incalza Salvini, sottolineando che gli accessi abusivi si sono concentrati soprattutto sul centrodestra. Mentre “il diritto alla privacy, garantito dall’articolo 15 della nostra Costituzione, è diventato ormai una sorta di aspirazione metafisica”, osserva il ministro della Giustizia Carlo Nordio, augurandosi un intervento “del legislatore” pure sulle intercettazioni”.

19/04/2024 

Territorio

Milano – L’83enne Giuliano è il recordman delle visite al “Belvedere”. Ne ha ‘bucate’ solo 5 su 200: “C’è sempre qualcosa di bello da scoprire”

Milano – L’83enne Giuliano è il recordman delle visite al Belvedere. Ne ha ‘bucate’ solo 5 […]

leggi tutto...

20/04/2024 

Cronaca

Milano – Tremendo dramma sul lavoro: giovane operaio finisce in un tritarifiuti. Muore a 23 anni

Milano – Tremendo dramma sul lavoro: giovane operaio finisce in un tritarifiuti. Muore a 23 anni […]

leggi tutto...

19/04/2024 

Territorio

A Milano arrivano 100 nuove “Zone 30” davanti alle scuole. L’annuncio

A Milano arrivano 100 nuove “Zone 30” davanti alle scuole. L’annuncio Il sindaco di Milano, Giuseppe […]

leggi tutto...

19/04/2024 

Territorio

A Milano vietato il gelato dopo mezzanotte – Ed è polemica: “E’ semplicemente assurdo”

A Milano vietato il gelato dopo mezzanotte – Ed è polemica La nuova ordinanza comunale sulla […]

leggi tutto...

19/04/2024 

Cronaca

Orrore a Milano – Tenta di violentare 22enne, lei reagisce e viene buttata giù dall’auto. E’ caccia al maniaco

Orrore a Milano – Tenta di violentare 22enne, lei reagisce e viene buttata giù dall’auto. E’ […]

leggi tutto...

19/04/2024 

Cronaca

Milano – Violenza in zona San Siro: rapinato e accoltellato alla fermata dell’autobus. Ragazzo è gravissimo

Milano – Violenza a San Siro: rapinato e accoltellato alla fermata dell’autobus. Ragazzo è gravissimo Nella […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy