Economia

09/11/2023

In Italia circa 4 milioni di posti di lavoro vacanti – Questi i settori più colpiti: lo studio

CONDIVIDI

In Italia circa 4 milioni di posti di lavoro vacanti – Questi i settori più colpiti: lo studio

In Italia, tra il 2023 e il 2027, si stima un fabbisogno di circa 4 milioni di lavoratori, con una domanda particolarmente alta in settori che non sono i più attraenti per i giovani.

Questi dati emergono da una ricerca condotta da Euromedia Research e presentata da Alessandra Ghisleri durante un evento di Evolution Forum Business School.

I settori con maggiore necessità di lavoratori includono il commercio e il turismo (757.000 unità), i servizi pubblici e privati (567.000 unità), la salute (477.000), la formazione e la cultura (436.000) e la finanza e la consulenza (430.000).

I giovani, tuttavia, sono decisamente più interessati a settori diversi, come i media (64%), l’industria aeronautica (63%), l’industria automobilistica (62%), i servizi postali e le attività di corrieri (60%), i beni di largo consumo (58%), gli accessori e i componenti per auto (57%), il comparto elettronico (57%), l’e-commerce (57%), i servizi informatici/web (57%) e il settore farmaceutico (56%).

Euromedia Research stima che serviranno almeno 1,3 milioni di persone con una formazione terziaria (laurea o diploma di un Istituto Tecnologico Superiore) nel settore terziario, ma l’offerta formativa attuale non soddisfa questa domanda.

La flessibilità potrebbe essere una chiave per ridurre la discrepanza tra offerta e domanda di lavoro in Italia, poiché molti giovani lavoratori (49,2%) ritengono importante la flessibilità dell’orario di lavoro.

“Una ricerca di The Gallup ha dimostrato che in Europa i lavoratori soddisfatti della propria occupazione sono il 10%, percentuale che in Italia scende al 5% – spiega  SkyTg24 – ” Come fare allora per risolvere l’enorme differenza tra offerta e fabbisogno in Italia dei prossimi anni? Una chiave potrebbe essere la flessibilità: da un’altra indagine condotta da Euromedia Research sui millennials (25- 35 anni), è infatti emerso che già prima del periodo Covid il 49,2% dei giovani lavoratori dava maggior importanza alla flessibilità dell’orario lavorativo.  Ma i lavoratori italiani  – concludono dalla redazione di SkyTg24 – “sono insoddisfatti della propria retribuzione? Proprio a causa dell’aumento dei prezzi, più della metà degli italiani intervistati ritiene di non ricevere una remunerazione adeguata (53,5%). Tra questi, nella fascia 18-24 anni l’insoddisfazione cresce fino al 63,4%, mentre scende al di sotto del 50% in quella degli over 65 (49,3%)”.

 

16/07/2024 

Politica

Roberta Metsola rieletta Presidente del Parlamento Europeo – Il suo primo discorso

Roberta Metsola rieletta Presidente del Parlamento Europeo  Metsola riconfermata Presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola ha […]

leggi tutto...

16/07/2024 

Milano – Rinasce la storica area ex Marchiondi, al via il progetto. Ecco cosa diventerà

Milano – Rinasce l’ex Marchiondi, al via il progetto.  Il Consiglio comunale ha approvato, nella seduta […]

leggi tutto...

16/07/2024 

Territorio

Milano – I super ricchi di Londra si trasferiscono in massa nella città meneghina. Ecco i motivi

Milano – I super ricchi di Londra si trasferiscono in massa nella città meneghina Milano attrae […]

leggi tutto...

16/07/2024 

Territorio

Milano – In centinaia manifestano contro intitolazione a Berlusconi di Malpensa “E’ una vera umiliazione!”

Milano – In centinaia manifestano contro intitolazione a Silvio Berlusconi dell’aeroporto di Malpensa “E’ una vera […]

leggi tutto...

16/07/2024 

Cronaca

Orrore a Milano – Prende a pugni e rapina coppia di 80 anni in strada: arrestato

Orrore a Milano – Prende a pugni e rapina coppia di 80 anni in strada: arrestato […]

leggi tutto...

15/07/2024 

Territorio

Milanese prende 146 multe in Area B. Ma il Giudice ne annulla 145. Ecco perché

Milanese prende 146 multe in Area B. Ma il Giudice ne annulla 145. Milano: il Comune […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy