Economia

02/03/2023

Stop auto diesel e benzina nel 2035: rischia di saltare l’accordo. Italia, Germania e Polonia diranno ‘No’ all’Europa

CONDIVIDI

Stop auto a motori termici nel 2035: rischia di saltare l’accordo. Italia, Germania e Polonia diranno ‘No’ all’Europa

L’Italia, insieme a Germania e Polonia, è pronta ad esprimere una posizione contraria nella prossima riunione degli ambasciatori dell’Unione Europea.

E’ a rischio il via libera finale allo stop alla vendita di auto nuove a benzina e diesel dal 2035.  E ora si prevede la votazione contraria di Italia, Polonia e l’astensione di Germania e Bulgaria. In questo modo sarà soddisfatto il criterio di maggioranza di Stati, ma la percentuale della popolazione rappresentata sarebbe soltanto del 58,15 e il provvedimento verrebbe respinto.

“La nostra presa di posizione così chiara e netta, insieme a quella di altri Paesi come la Polonia e la Bulgaria, hanno indotto ulteriori riflessioni su una tematica che è dirimente, non tanto e non soltanto sull’automotive ma sulla politica industriale che l’Europa deve mettere in campo per rispondere alla grande sfida sistemica della Cina e anche alla politica assertiva degli Stati Uniti”, ha ribadito all’Agi, Agenzia Giornalistica Italia,  il ministro di Imprese e Made in Italy, Adolfo Urso.

Urso ha aggiunto: “c’è una riflessione in corso, direi un ripensamento, sia nel Parlamento europeo che nel Consiglio perché si tende a prendere atto della realtà, si deve prendere atto della realtà cosi’ come gli altri ce l’hanno imposta”.

“L’Italia- prosegue il ministro – ” condivide ed è pienamente impegnata nell’obiettivo di decarbonizzare il settore del trasporto stradale, in quanto la riduzione delle emissioni di CO2 del settore, in particolare quelle derivanti dalle autovetture e dai veicoli leggeri, è essenziale per raggiungere gli obiettivi climatici dell’Unione. Riteniamo che, nel settore del trasporto stradale, la decarbonizzazione debba essere perseguita nel rispetto dei principi di una transizione economicamente sostenibile e socialmente equa verso le emissioni zero e della neutralità tecnologica. Siamo certamente favorevoli all’elettrificazione dei veicoli leggeri. Non crediamo, tuttavia, che essa debba rappresentare, nella fase di transizione, l’unico percorso per raggiungere le emissioni zero”.

In un documento nazionale inviato alla presidenza Ue e agli altri Stati l’Italia ha motivato la contrarietà al regolamento: “L’elettrificazione richiede cambiamenti significativi nell’intero settore automobilistico che devono essere pianificati e guidati con la dovuta attenzione, al fine di evitare effetti economici, industriali e sociali indesiderati. Le auto con motore termico sono di proprietà di cittadini a basso reddito e rimarranno in circolazione oltre il 2035. Il successo delle auto elettriche dipenderà molto dal modo in cui diventeranno accessibili per questi cittadini”.

“Stabilendo un obiettivo di riduzione delle emissioni del 100% nel 2035 e non prevedendo alcun incentivo per l’uso di carburanti rinnovabili, il regolamento proposto non è in linea con il principio di neutralità tecnologica. Pertanto, l’Italia non può sostenerlo”.

“Nella dichiarazione nazionale, da parte italiana – riposta l’Agenzia Agi – ” sono poi ricordate alcune condizioni prioritarie che devono essere assicurate per permettere il raggiungimento di un obiettivo di riduzione delle emissioni del 100%, tra cui:

lo sviluppo di una catena di valore dei motori e delle batterie elettriche nell’Unione;
un approvvigionamento sostenibile e diversificato delle materie prime necessarie;
adeguate infrastrutture di ricarica e rifornimento;
un miglioramento della rete elettrica, in modo che possa far fronte all’aumento della domanda;
un adeguamento dell’intero settore automobilistico, anche attraverso la fornitura delle competenze necessarie;
l’accettazione da parte del mercato dei nuovi veicoli, che dovrebbero essere disponibili a un prezzo accessibile, in particolare per le famiglie e i consumatori più vulnerabili.
Nella dichiarazione si sottolinea poi che finora l’approccio scelto dall’Unione per il settore automobilistico è stato prevalentemente normativo.

“Sono quindi elencate – conclude Agi – ” una serie di iniziative che dal punto di vista italiano dovrebbero essere adottate dalla Commissione europea:

sostenere con tutti i mezzi disponibili, legislativi e finanziari, la transizione del settore automobilistico, in particolare delle Pmi;
monitorare e riferire in modo tempestivo ed esaustivo sui progressi verso una mobilità stradale a zero emissioni, considerando tutti i fattori che contribuiscono a una transizione equa ed efficiente dal punto di vista dei costi, compresa una valutazione delle possibili carenze di finanziamento;
garantire, sulla base di tale monitoraggio, una revisione rigorosa e credibile degli obiettivi nel 2026;
dare seguito alla disposizione che prevede l’immatricolazione, dopo il 2035, di veicoli alimentati esclusivamente con carburanti a zero emissioni di CO2;
presentare una proposta per includere nel Regolamento meccanismi di contabilizzazione dei benefici, in termini di riduzione delle emissioni di CO2, dei carburanti rinnovabili”.

21/02/2024 

Cronaca

Milano – Rapina 13 farmacie: nell’ultima punta pistola contro Agente. Arrestato

Milano – Rapina 13 farmacie: nell’ultima punta pistola contro Agente. Arrestato La Polizia di Stato ha […]

leggi tutto...

21/02/2024 

Territorio

Piazza Duomo dice addio alla palme – Arriva il “Giardino Alpino” (e firmato). Parte il nuovo progetto

Piazza Duomo dice addio alla palme. Arriva il “Giardino Alpino” (e firmato). Il progetto Cambia il […]

leggi tutto...

21/02/2024 

Territorio

Milano: parte la class action degli abitanti contro lo smog – “Un risarcimento miliardario”

Milano: parte la class action degli abitanti contro lo smog – “Un risarcimento miliardario” Oltre cinquantamila […]

leggi tutto...

21/02/2024 

Territorio

Milano: chiusa dalla Polizia nota discoteca della città. Ecco perché

Milano: chiusa dalla Polizia nota discoteca della città. Ecco perché Il Questore di Milano Giuseppe Petronzi, […]

leggi tutto...

21/02/2024 

Territorio

A Milano una grande mostra su Picasso – 40 opere del genio spagnolo INFO

A Milano una grande mostra su Picasso – 40 opere del genio spagnolo INFO La mostra […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Milano – Col “trucco del sapone” rapinano le signore in strada. Ecco come agiscono

Milano – Col “trucco del sapone” rapinano le signore in strada. Ecco come agiscono A Milano, […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy