face-535769_1280

Cultura

Milano

/

23/05/2022

Iperconnessi ma distaccati: eppure la comunicazione serve per cooperare confermano gli economisti

Un messaggio importante e per nulla trascurabile in un'era di iper-connessione e di ipo-comunicazione come la nostra

CONDIVIDI

Come avviene la cooperazione tra gruppi di persone? Cosa può favorirla e cosa metterla in difficoltà? Si parla tanto di comunicazione, ma sarà proprio vero che serve così tanto per raggiungere dei risultati di gruppo? Questi potrebbero essere alcuni degli interrogativi a cui hanno cercato di rispondere i ricercato sperimentali. La conclusione a cui sono arrivati è che la possibilità di comunicare all’interno di qualsiasi rapporto, aumenta la possibilità di cooperare. Sono diversi gli studi che hanno cercato di chiarire questi meccanismi cognitivi e comportamentali, cerchiamo di comprendere insieme qualche spunto di riflessione interessante.

Il public good game come oggetto di studio:

Gli studiosi prendono come oggetto di osservazione il processo di produzione volontaria di un bene pubblico. In condizioni di totale anonimato e in assenza di qualunque forma di comunicazione, ciò che si osserva è una iniziale disponibilità a cooperare che però si affievolisce con il passare del tempo. Le persone, come ovvio, hanno caratteristiche differenti, ma nei vari gruppi è stato possibile individuare due tipi di comportamenti ricorrenti: i free riders e i cooperatori condizionali. I primi sono indisponibili a cooperare qualunque cosa facciano gli altri, i secondi si dimostrano propensi a cooperare se vedono gli altri cooperare e, viceversa, fanno un passo indietro se si accorgono di essere circondati da free riders. Osservando il citato public good game, si ricorre più o meno nella stessa situazione: i gruppi iniziano a cooperare, ma poi, lentamente, la cooperazione si riduce fino a convergere verso il livello previsto dalla teoria, cioè zero.

Il fattore decisivo per aumentare la cooperazione:

Quando, però, entra in gioco la possibilità di comunicare, le cose sembrano cambiare radicalmente. Uno dei primi studi a riguardo è stato quello condotto nel 1988 dai due economisti statunitensi Mark Isaac e James Walker. Successivamente Olivier Bochet e Louis Putterman (“Not just babble: opening the black box of communication in a voluntary contribution experiment”. European Economic Review 53, pp. 309‒26, 2009) provano a valutare l’incidenza e il ruolo delle promesse. Proseguono Cristina Bicchieri e da Azi Lev-On (“Computer-mediated communication and cooperation in social dilemmas: an experimental analysis”. Politics, Philosophy & Economics 6, pp. 139–68, 2007). Le conclusioni del loro studio sembrano mostrare che l’efficacia della comunicazione è legata non tanto alla possibilità di formulare delle promesse, quando alla sua capacità di attivare quelle norme sociali che impongono il rispetto di quelle stesse promesse. Questo è possibile grazie alla ricchezza dello scambio comunicativo verbale ma soprattutto para verbale e non verbale (linguaggio del corpo).

La comunicazione faccia a faccia è un’altra cosa:

La comunicazione faccia a faccia rafforza la capacità di cooperazione, tramite quei piccoli gesti (come ad esempio una stretta di mano, una strizzatina d’occhio, lo scambio di uno sguardo), che diventano segnali di intesa preziosissimi perché altamente informativi. Un messaggio importante e per nulla trascurabile in un’era di iper-connessione e di ipo-comunicazione come la nostra. al tempo stesso, siamo perennemente in contatto con gli altri, ma non lo siamo pienamente perché il contatto avviene prevalentemente attraverso mezzi che limitano fortemente le nostre capacità espressive (messaggistica, email, chat). In questo modo la cooperazione diminuisce e aumenta il rischio di conflitti.

E.F.M.

Seguici per leggere notizie chiare e interessanti su Milano e dintori.

27/09/2022 

Economia

Economia – Exor lascia piazza Affari, ora è quotata solo ad Amsterdam

Economia – Exor lascia piazza Affari, ora è quotata solo ad Amsterdam “A seguito degli annunci […]

leggi tutto...

27/09/2022 

Lavoro

Iniziativa di WeMi per cercare colf e badanti: open day il 28 settembre

Ritornano gli open day di WeMi Tate Colf Badanti. Mercoledì 28 Settembre il servizio WeMi Tate […]

leggi tutto...

27/09/2022 

Economia

Atm e bonus trasporti a disposizione: puoi attivarlo entro il 28 settembre

È possibile richiedere un bonus trasporti di 60 euro per l’acquisto di un abbonamento ai mezzi […]

leggi tutto...

27/09/2022 

Politica

Dramma Lega: il partito di Salvini sprofonda e il governatore Fontana potrebbe non rimanere a capo della Regione

Il segretario di partito della Lega Matteo Salvini ha provato lunedì ad essere positivo, esultando per […]

leggi tutto...

27/09/2022 

Cronaca

Ferrari vs auto della Polizia: incidente spettacolare in centro a Milano, senza gravi conseguenze

Spettacolare incidente senza gravi conseguenze in centro di Milano dove una pattuglia della Polizia locale, che […]

leggi tutto...

26/09/2022 

Politica

Meloni stravince le elezioni – Fratelli d’Italia sfonda al nord, il M5S è primo al sud. Di Maio fuori dal Parlamento

E’ il centrodestra guidato da Fratelli D’Italia a vincere le elezioni. Il risultato è netto: la […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy