Territorio

01/08/2022

Russia, ecco il peso delle sanzioni – L’economia russa vive la più grande recessione dagli anni ’90

CONDIVIDI

Russia, ecco il peso delle sanzioni: l’economia vive la più grande recessione dagli anni ’90

Sono le previsioni della Banca Centrale della Federazione Russa, secondo cui  nel 2022 il PIL diminuirà di oltre il 6%.  Su questo versante anche il FMI prevede un calo dell’8,5%, la BERS del 10%, la Banca Mondiale dell’11,2%, mentre il Ministero dell’Economia prevede un calo tra il 7% e il 10%, causato in particolare da una diminuzione degli investimenti del settore privato (imprese).

Questi alcuni dati, riportati da Ispi, Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, secondo l’ultimo articolo di Sergey Efremov, economista dell’ Università Statale di Mosca Lomonosov: “La produzione industriale russa si è contratta dell’8% solo da marzo ad aprile 2022 , l’industria petrolifera dell’11% (anche prima dell’embargo), la produzione di carbone, gas, coke, prodotti petroliferi del 10%, l’industria manifatturiera del 6 %. In termini annuali, tutto il commercio nell’aprile 2022 era inferiore del 10% , il consumo di prodotti non alimentari da parte della popolazione è diminuito del 17%, il commercio all’ingrosso è stato inferiore del 12%, il che indica un aumento della povertà. L’inflazione ufficiale (quindi distorta) non è inferiore al 18%, la previsione ufficiale di inflazione della Banca Centrale per il 2022 è del 14-17%”.

Rallentano i diversi settori economici
“Le sanzioni sulla metallurgia ferrosa – scrive Sergey Efremov – “hanno portato a tagli alla produzione del 20-40%. Il trasferimento delle esportazioni in Cina è difficile, poiché la Cina è interessata alle materie prime (minerale di ferro e carbone da coke) e non ai prodotti finiti dalla Russia. Il settore delle costruzioni sta rallentando . Ciò porta a sottoccupazione, tempi di inattività, salari più bassi e aumento della povertà. Le cartiere e le cartiere sono inattive (ad esempio, nella Repubblica di Carelia al confine con la Finlandia e nella Repubblica di Komi, nella regione di Arkhangelsk). C’è una carenza di carta bianca . Nel frattempo, la metallurgia non ferrosa non è stata oggetto di sanzioni (nichel, rame, platino, palladio, ecc.) e beneficia di prezzi elevati.

Quest’anno , il settore agricolo in Russia è relativamente stabile . Le previsioni per il prossimo anno sono ancora complicate, poiché la Russia dipende dalle importazioni di componenti e macchine agricole, le sementi di un certo numero di colture e le catene di approvvigionamento critiche sono state interrotte”.

Ma il futuro sarà ancora peggiore

“Il massimo effetto delle attuali sanzioni – aggiunge Efremov – ” sarà raggiunto nella tarda estate – autunno del 2022 . Le importazioni russe dai partner chiave si sono quasi dimezzate da quando sono state imposte le sanzioni. Il graduale esaurimento delle riserve , e l’inizio della carenza di componenti , la riduzione del personale da parte di società estere socialmente responsabili che hanno lasciato la Russia (più di 1.000 società transnazionali) diventeranno più tangibili, interessando settori dall’agricoltura e militare allo spazio all’IT. Il bilancio della Russia è in deficit nonostante i prezzi elevati del petrolio . Data l’inflazione e le difficoltà di prendere prestiti all’estero, la Banca Centrale non sarà in grado di stampare moneta , poiché ciò non farà che aggravare l’inflazione.

Sono le esportazioni di energia a tenere accesa l’economia russa:
“Alcune banche russe, ma non tutte, sono cadute sotto sanzioni di blocco e non possono effettivamente utilizzare il dollaro negli accordi  – conclude Sergey Efremov – ” Tuttavia, Gazprombank può ancora lavorare con i dollari , poiché è coinvolta nell’esportazione di energia russa in Europa. Questa è la più importante fonte di finanziamento per il sistema istituzionale e le decisioni delle élite, almeno fino al 31 dicembre 2022, quando l’embargo petrolifero entrerà a regime. Allo stesso tempo, l’assenza di un embargo sul gas e la lenta transizione dell’Europa al GNL sono vantaggiosi anche per l’élite russa, visti i prezzi elevati. La Russia ha deciso di non rimpatriare parte dei guadagni in valuta estera per mantenere il tasso di cambio basso del rublo. Ciò consente di prevedere il congelamento di quei beni che la Russia non rimpatria nell’ambito delle prossime sanzioni. Paradossalmente, lo scenario di una guerra prolungata è diventato più proficuo per l’élite dirigente russa , poiché fa sperare che l’economia europea non resista all’inflazione e i populisti europei (ad esempio il fattore ungherese) costringeranno ad indebolire le sanzioni contro l’attuale Russia governo”.

 

 

03/10/2022 

Appuntamenti

Elezioni in Brasile : 4 ore di coda per chi da Milano vota il nuovo presidente

La sfida principale è tra il presidente uscente Jair Bolsonaro e l’ex presidente Luiz Inacio Lula […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Cronaca

Bimba di 9 mesi lotta per la vita: picchiata dal fidanzato della mamma

Sabato 1 ottobre 2022 la neonata di 9 mesi è stata portata all’ospedale San Matteo di […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Appuntamenti

Area B e Area C : da oggi via ai nuovi divieti e più ticket d’ingresso

A partire da oggi, scattano i famigerati divieti per l’Area B, di cui si parla da […]

leggi tutto...

30/09/2022 

Economia

Fondazione Welfare Ambrosiano: si parla di credito solidale per ripartire

La Fondazione Welfare Ambrosiano propone il credito solidale come per aiutare le famiglie a riprendere fiato, […]

leggi tutto...

30/09/2022 

Appuntamenti

Sabato 1 ottobre c’è il Selinunte Day : il quartiere fa festa con la città!

Sabato 1 ottobre sarà una giornata speciale per il Selinunte Day ricco di eventi. Una giornata […]

leggi tutto...

30/09/2022 

Ambiente

Il Forum Ambiente 2022 di Milano: dal 29 settembre al 7 ottobre

Il primo Forum Ambiente si svolgerà a Milano, dal 29 settembre al 7 ottobre, organizzato dall’Assessorato […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy